Monti Metalliferi

Cloth: Idra Maschio

Cavaliere: Kurth,Lacie

Temperatura: Primavera Estate 6°/20° autunno/inverno 0°/-6°

Località: Bozi Dar. Posta nel valico che divide la Germania dalla Repubblica Ceca, è un ex-villaggio di minatori divenuto ora una cittadina e meta turistica molto apprezzata dagli sciatori e gli amanti della montagna.

Dominio: A causa degli scavi minerari avvenuti fra il 15° ed il 19° secolo i Monti Metalliferi hanno ricavato la loro nomea ed anche una serie di cinque fra le più profonde miniere del Paese. Ad oggi la maggior parte di queste miniere sono state svuotate per metà dei loro contenuti mentre le altre sono al momento in disuso, abbandonate o semplicemente chiuse per via dei lavori che hanno minato l’integrità del suolo montano. Una di queste ospita il cuore vero e proprio del dominio dell’Idra maschio La miniera è composta da un filone centrale che scende fino al cuore, da esso dipartono altri quattro filoni minori, due di questi finiscono all’esterno sulla costa della montagna. Altri due terminano in un vicolo cieco e sono segnalati come pericolanti e pericolosi. uno Il filone centrale porta al suo culmine ad una parete di roccia liscia che a differenza della altre non presenta segni di scavo. La parte in questione è l’ingresso alla zona sacra, accessibile solo tramite il tocco di alcune pietre specifiche fra quelle presenti sulla parete adiacente. La pietra reagisce andando ad aprire uno stretto passaggio nel mezzo che porta alla zona sacra: Una caverna circolare di grandi dimensioni. Le sue pareti sono contornate da collone ricavate dalla roccia i cui capitelli raffigurano ognuno una testa dell’Idra per un totale di sette colonne mentre ognuno dei pilastri è adornato con scene raffiguranti la mitologia di Atena: dalla sua nascita attraverso la testa di Zeus ad alcuni pezzi sulla guerra di Troia e così via. Fra due colonne poste nel lato opposto a quello dell’entrata della caverna, vi è un altare ricavato anche esso dalla pietra su cui si trova la Bronze Cloth di Idra Maschio. Fonte di illuminazione nella caverna, a differenza dei cunicoli che ne sono privi, sono alcune fiaccole poste a coppie tra una colonna e l’altra.