Velocità e spostamenti

All’interno dell’ambientazione sono raggiungibili 3 tipologie diverse di velocità:

  • Umana – velocità di ogni essere umano, in un adulto in salute varia tra i 20 e i 35 km/h.
  • Ultraterrena – velocità massima di chi è in grado di sfruttare il cosmo e che permette di muoversi a velocità supersoniche.
  • Luce – velocità raggiungibile solo da cavalieri in possesso del settimo senso.

Può capitare che avvengano azioni di scontro e non con personaggi con una velocità diversa dalla propria.
In tal caso, se la differenza di rango è umana – luce, l’azione a velocità luce è da considerarsi automaticamente riuscita in maniera invisibile all’occhio umano.
Se invece la differenza di rango è di un solo valore (umana – ultraterrena oppure ultraterrena – luce), chi ha la velocità minore dovrà tirare un d100 ad ogni azione di attacco e di difesa (o di cognizione, se non è uno scontro) sia essa supportata dall’uso di skill o meno.
Qualora il risultato sia minore o uguale alla propria reattività diviso 10 (arrotondata per difetto) più le centinaia dei propri PX (fino ad un massimo 25), l’azione è da considerarsi abbastanza rapida per avere successo.

Esempio

Statistica di Reattività di Tizio: 372 = 37%
PX di Tizio: 1800 = 18%
37 + 18 = 55% di probabilità di riuscita.
Al tiro del d100 l’azione avrà successo se uscirà un valore tra 1 e 55 compreso.

I cavalieri possono muoversi a velocità inumane senza creare “BANG” sonici o altri danni grazie al loro cosmo che protegge loro e ciò che gli sta attorno ma possono usare queste velocità solo per brevissimi spostamenti (nell’ordine delle decine di metri) e solo per combattere o portare a termine azioni semplici.

!!! Tale potere è tuttavia da considerarsi un dono della propria divinità e qualsiasi utilizzo a scopo personale, nobile o meno, potrebbe portare alla decurtazione di uno o più punti fede.

Azione di movimento

Nel proprio turno l’azione di spostamento concede un movimento fino a 50 metri circa.
Se si usa una Skill di Ricarica Cosmica (normale o Protetta), il movimento risulta ridotto, quindi sarà limitato a una decina di metri.
Rinunciando all’uso di una Special/Skill attiva ci si può muovere una seconda volta, raggiungendo così il massimo di 100 metri in un round.

Viene da sé che una Teleportante che allontana di N round (tradotto in N x 100 metri) richiede N azioni per ritornare sul campo di battaglia senza fare altro che muoversi, oppure un numero di round maggiore se nel mentre si fa altro. L’ultima azione di raggiungimento permette comunque un attacco o una difesa (a seconda della turnazione).
Per lo stesso ragionamento, non sarà possibile lanciare una tecnica a più di 50-60 metri da sé (con tutte le varianti che il master ritiene il caso di applicare) o renderebbe inefficiente la Teleportante e superfluo il combattimento in corpo a corpo e la gestione dei movimenti.

Spostamenti nel mondo

Per spostarsi da un luogo di fede (Villa Anfitrite in Spagna, Grande Santuario in Grecia, Cattedrale in Germania) a Nuova Luxor un cavaliere avrà un tempo di spostamento tramite mezzi privati o pubblici di 10 ore, per cui se ha giocato a Nuova Luxor alle 11, potrà giocare nei propri luoghi di fede solamente dalle 21.

A seguito di una quest di marzo 2017, la divinità Era ha creato nel boschetto di Nuova Luxor un singolo portale che permette ai possessori di cosmo di teletrasportarsi nel proprio luogo di fede, in cui oltre al portale d’accesso alla dimensione di fede (Santuario, Undersea, Inferi), è ora presente un secondo portale che permette andata e ritorno dal boschetto di Nuova Luxor.
Tali portali non possono essere sfruttati da membri di altre fedi, né si può forzare una persona a fare da apripista per il suo luogo di fede.

La special teleportante, ovviamente, permette spostamenti liberi ma si richiede di usare esplicitamente la skill in uscita o in entrata di giocata e di usare il cosmo in modo da permettere un gioco onesto.
!!! Le gestione permette comunque le giocate estemporanee, quindi si possono giocare cose che accadranno o sono accadute in momenti diversi rispetto la data e l’orario di gioco.