Eris

Il potere del Cosmo ci eleva sopra i comuni mortali. Perché dovremmo dunque vivere come loro?
Sono un eletto, un prescelto. Ciò che IO voglio è più importante rispetto a ciò che gli altri reputano giusto, e gli Dei si combattono da secoli mietendo vittime tra le loro fila come fossero pezzi senza valore di una scacchiera, in un gioco che non terminerà mai.
Non è così che vivrò la mia vita, la vivrò per avere tutto ciò che voglio. Donne. Denaro. Potere.

Avido, Cavaliere Nero dell’Altare

Allineamento

La fede di Eris non ha un allineamento in quanto qualsiasi cavaliere che la serve perseguita i suoi scopi personali, qualsiasi essi siano. Ci possono essere più Cavalieri Neri con mentalità simili che creano gruppi e perseguitino scopi maggiori, anche se per lo più agiscono come lupi solitari, talvolta facendosi ingaggiare da privati o dalle fedi come fossero mercenari.

Obbiettivi

A differenza delle fedi principali, non c’è una volontà comune in quanto servendo la Dea della Discordia, il semplice perpetrare obbiettivi diversi e personali automaticamente porterà caos ed attriti con chi ha ideologie diverse dalla propria.

La fede ha come unico obbligo quello di proteggere l’Isola della Regina Nera in caso di necessità; non ci sono mire di conquista anche se, come già accaduto in passato, alcuni gruppi potrebbero organizzarsi per cercare di accrescere il loro potere.

NdT: per un Cavaliere Nero è impossibile tentare una preghiera, in quanto Eris non pretende da loro nulla ed allo stesso tempo non concede mai il suo favore.

Gerarchia

L’unica carica a cui ogni Cavaliere Nero deve rispondere è il Custode dell’Isola della Regina Nera, un Cavaliere Nero a cui viene affidato il compito di assicurarsi che tutto fili liscio sull’isola e che decide chi può ottenere una Black Cloth. Non ci sono altre cariche.
Una particolarità dei Cavalieri Neri è che essendo le loro Cloth delle semplici repliche di armature di Athena e slegate da qualsiasi costellazione, mare, stella o altre energie, non c’è unicità nelle loro armature: i Pandora Box sono privi di qualsiasi decorazione legata all’armatura che contengono e ci possono essere più Black Saint con copie della stessa armature nello stesso periodo temporale.

All’interno di gruppi più o meno numerosi possono crearsi delle gerarchie che tuttavia sono assolutamente autonome dal preconcetto di fede e non hanno nulla di sacro o antico.

Eris dal tempo del mito ad ora non ha mai concesso benedizioni alle Black Cloth o ai Cavalieri Neri.

Avvicinamento ed allenamenti

Un allievo che rinnega la propria fede può decidere di perseguitare il suo ideale, qualsiasi esso sia, e richiedere al Custode dell’Isola della Regina Nera una Black Cloth.

Qualora non si dimostri un pericolo ed accetti alla chiamata alle armi in caso di necessità di difesa dell’isola, avrà accesso alla sua Black Cloth.

Armi ed Armature speciali

Sebbene le armature di Eris siano copie esatte delle Bronze e Silver Cloth di Athena, nessuna di esse ha alcun potere speciale e non esistono armi ancestrali di fede.

Riparazione armature e promozioni di sangue

Le armature di Eris sono fatte con un materiale metallico che il vulcano rigurgita su tutta l’Isola della Regina Nera assieme alla lava dall’alba dei tempi, noto come Vulcanite.

Per riparare un’armatura danneggiata bisogna avere una roccia di Vulcanite da scaldare fino a portarla allo scioglimento. Bagnando questa o l’armatura danneggiata col sangue del proprietario della Black Cloth e successivamente infondendo il proprio cosmo nell’armatura, la roccia sciolta si allungherà come un blob fino all’armatura e la rivestirà di materiale incandescente che poi si raffredderà istantaneamente andando a ricreare le parti danneggiate.

Nel caso in cui un’armatura venga completamente distrutta, per ridarle vita è necessario che il Custode dell’Isola della Regina Nera ed il cavaliere legato a quell’armatura sacrifichino il proprio sangue sul Pandora Box al cui interno è stato messo un blocco di Vulcanite abbastanza grande, quindi questo verrà calato tramite una catena ed un argano all’interno del vulcano, dove rimarrà per 4 giorni e 4 notti e da cui l’armatura uscirà come nuova. A livello di gioco, i cavalieri devono sacrificare 500 punti vita a testa ed il riparatore deve usare attivamente 80 punti cosmo da aggiungere ai 20 che vengono scalati automaticamente.

Domini

L’unico dominio della Fede è terrestre ed è l’Isola della Regina Nera, che i Black Saint devono proteggere in caso di necessità.
L’isola nel corso dei secoli è cambiata diverse volte a causa di cataclismi o guerre (è noto ad esempio la distruzione dell’intera isola negli anni ’80 per mano di Arles, ex-Gran Sacerdote di Athena), e l’identificazione di “Isola della Regina Nera” non è un vero nome che appare nelle cartine, quanto più un’identificazione usata dai Cavalieri delle varie fedi per intendere l’isola che in quel momento è luogo di culto dei Black Saint.

Quando i Cavalieri Neri si stanziano su un’isola (che ha come unico requisito quello di avere un vulcano), è compito del custode della precedente o del suo successore erigere un tempio, una statua ed un altare sacrificale ad Eris in modo da benedire quella terra alla Dea.
Qualora tutto vada bene, il vulcano presente si risveglierà (se non era già attivo) e la composizione della sua lava da quel momento in poi muterà espellendo Vulcanite per permettere la perpetuazione dell’esistenza delle armature nere.

Luoghi di fede

Attualmente l’Isola della Regina Nera si trova nell’Oceano Pacifico, vicino l’Indonesia, ed è raggiungibile solo via mare visto il terreno impervio e roccioso che rende impossibile anche gli atterraggi in elicottero.

  • Entroterra
    Ci sono diversi luoghi nell’isola, tra campi d’allenamento, refettorio, e luoghi naturali dove tuttavia la nuda roccia ha quasi sempre il sopravvento. Il terreno è talmente impervio ed arido che è impossibile qualsiasi coltivazione e tutti i rifornimenti arrivano dall’esterno. L’unico luogo dove sembra ci sia del colore è un campo di fiori non troppo vasto che esiste da sempre.
  • Vulcano
    Un potente vulcano ancora attivo che ribolle di magma 365 giorni l’anno. Le eruzioni sono frequenti anche se solitamente sono contenute e non rappresentano un rischio per gli abitanti, che popolano la zona più lontana rispetto alla bocca di fuoco.
    Al suo interno, nascoste ed ignote a tutti fuorché al Custode, le fucine dove vengono forgiate le Black Cloth.
  • Tempio
    Il Tempio di Eris è la più antica costruzione dell’isola ed è un omaggio alla Dea che si dice protegga l’intera isola dalla furia del vulcano. Al suo esterno è presente una statua della Dea ed un altare per i sacrifici, spesso usato quando il vulcano sembra più attivo.