Castello Pietrarossa

Cloth: Worm

CavaliereBrody

Temperatura: La zona custodita possiede due diverse situazioni climatiche.
Superficie: Il clima è piuttosto continentale, rigido e secco d’inverno, caldo e ventilato d’estate, con meno di 60 giorni di pioggia annui. Il vento è un elemento climatico della città. Nel periodo invernale possono essere presenti brevi e sporadiche precipitazioni nevose.
Sotto terra: Il clima nelle catacombe è umidiccio e, a volte, potranno anche esser percepiti diversi odori causati dagli esperimenti chimici-fisici dello specter. L’odore di sangue ristagnato è ancora presente, e se concentrati si potrà percepire persino l’odore di cadavere in putrefazione.

Località: Caltanissetta, comune italiano che deve origine agli Arabi. Collocata in posizione dominante nell’intera valle del Salso.

Dominio: L’ingresso per il regno degli inferi, dominio del Worm, si trova in un’altura all’esterno della città: per esattezza all’interno del castello di Pietrarossa, una roccaforte ormai distrutta e abbandonata risalente al IX secolo. Il castello domina la città dall’alto del burrone sul quale si erge, tra le uniche due torri rimaste vi è situato un passaggio, nascosto dai seguaci di Hades, che conduce all’interno delle cripte sotterranee della struttura. Lì, come se non avessero subito devastazioni, si troverebbero le numerose base gotiche di coloro che hanno vissuto all’interno del castello.
In fondo alla sala centrale, tra due scheletri che cercano di abbracciare colui che vi si siede, c’è un trono completamente formato da spade forgiate con il sangue di drago, cioè con il fuoco e il sangue delle crociate cristiane contro gli arabi.
Il torno accoglie, sulla propria base, le vestigia di Worm che sembrerebbero essere la chiave per scoprire il resto della struttura. Osservando la direzione su cui puntano i tentacoli è possibile notare quattro vie, una per ogni punto cardinale.

Le quattro vie conducono rispettivamente:

  • Sala che conduce ad una serie di gallerie che si espandono sotto tutto [SOLO] il centro storico della città. Alcune possono mostrarsi come ostruite dalle nuove costruzioni, altre collegano tra di loro creando un labirinto
  • Sala delle torture dei barbarossa
  • Una grotta adibita a camera da letto del Worm
  • Salone che presenta altri tre cunicoli che si articolano in:
  • Cunicolo chiuso
  • Cunicolo che presenta il varco per l’ingresso agli inferi
  • Cunicolo dove risiedono le spoglie dei due patriarchi del castello, morti in amore per difenderlo.

Nel luogo, impregnato per troppo tempo dal cosmo, vi sono presenze residue di ricordi o scene di vita passata, attraverso la manifestazione di spiriti, illusoni, che vengono considerati fantasmi dai mortali che le osservano. Figure intangibili che si manifestano in maniera involontaria e indeterminata. Legato a ciò, nel mondo comune, si pensi che il castello sia abitato da fantasmi.

All’esterno, ad aiutare alla difesa del dominio, vi sono diversi vermi di tipo Bipalium kewense che sarebbero sparsi per l’intero dominio. Vermi molto sottili,dal corpo piatto, marrone e nero che, se si sentono in pericolo, producono tetrodotossina, una neurotossina che causa paralisi.